CIS

Scusa car3…vengo subito! – Definizione, Cause e Trattamenti dell’Eiaculazione Precoce

Dott.ssa Federica Mason

Medica e Chirurga Generale

Scusa car3…vengo subito! Definizione, Cause e Trattamenti dell’Eiaculazione Precoce

Eiaculazione Precoce (EP). Se si apre il DSM-5 si leggerà che si tratta di “una modalità persistente e ricorrente (da almeno 6 mesi) di eiaculazione che si verifica durante i rapporti sessuali, circa un minuto dopo la penetrazione e prima che l’individuo lo desideri”. Lasciando da parte il cronometro ciò che caratterizza questo disturbo e porta chi ne soffre a rivolgersi ad un3 specialista sono la mancanza di controllo sul momento eiaculatorio e le ripercussioni negative che questo ha a livello psicologico e/o relazionale.


È bene precisare che l’eiaculazione precoce è una delle disfunzioni sessuali più frequenti, specie in ambito eterosessuale, arrivando ad interessare tra il 20% e il 30% della popolazione mondiale maschile. Ma è sempre stato un problema? Nel 1948 Alfred Kinsey, uno dei padri fondatori della sessuologia moderna, aveva rilevato nei suoi studi che 3 uomini su 4 eiaculavano entro due minuti dall’inizio del rapporto penetrativo. Un’epidemia di eiaculazione precoce? No anzi, era considerato normale! Fu dopo i moti femministi del ’68, quando si iniziò a parlare di piacere femminile e le donne iniziarono a chiedere (giustamente) l’appagamento sessuale, che divenne un problema crescente. In ogni caso è certamente una disfunzione dei tempi moderni la cui percezione è correlata a fattori etnici e culturali.


Non tutte le Eiaculazioni Precoci sono uguali: Si parla di EP primaria se presente da sempre, fin dai primi rapporti; secondaria (o acquisita) se iniziata successivamente ad un periodo di rapporti con tempistiche considerate “normali”. Si può anche differenziare in generalizzata, ossia presente sempre, anche con divers3 partner, o situazionale se si manifesta solo con una specifica persona o in un determinato contesto (es. sesso in automobile). Un discrimine importante è se avviene prima o dopo aver cominciato la penetrazione: nel primo caso si definisce EP Ante Portam e compromette non solo il piacere di entrambi i partner ma anche la capacità riproduttiva dell’uomo.


Le CAUSE dell’EP possono essere diverse. Una quota minoritaria è correlata a fattori organici come Prostatiti e Sindrome del Dolore Pelvico Cronico. Soprattutto per le forme Primarie è possibile ipotizzare come causa un difetto di apprendimento nelle modalità e nei tempi di raggiungimento del piacere. Questo difetto andrebbe a crearsi già nell’attività masturbatoria per poi venire trasposto nell’attività sessuale con l’altro. La mancanza di esperienza, di confronto dialettico con le partner e l’instabilità affettiva favorirebbero il consolidarsi del disturbo. Più recentemente sarebbe stata avanzata l’ipotesi che, nelle forme di EP primaria, vi sarebbero delle alterazioni a livello neurobiologico che andrebbero a creare uno stato di eccitamento definito iper-erotico: gli uomini affetti dalla disfunzione infatti presenterebbero una disregolazione sia nel rilascio dell’ormone ossitocina sia nell’ attività di alcuni recettori per gli stimoli meccanici e termo-sensoriali localizzati a livello del glande. Tuttavia nella maggior parte dei casi, specie nelle forme Secondarie e/o Situazionali, le cause dell’EP sono da ricercare in fattori psicologici. Tali fattori sono a volte direttamente correlati al sesso come l’ansia per la performance che ci si aspetta di offrire durante il rapporto o nei confronti delle aspettative della partner, altre volte possono sembrare svincolati come stati d’ansia generalizzata o legata a stress lavorativo. L’interpretazione freudiana legge in questa disfunzione un timore nei confronti del genitale e del godimento femminile (la cosiddetta “vagina dentata”) per cui il soggetto cerca inconsciamente di porre fine quanto prima a una situazione percepita come pericolosa. Interpretazioni più recenti vedrebbero nell’EP una forma di aggressività passiva con cui l’uomo priverebbe del godimento la donna per manifestare nel sesso una rabbia inconscia nei suoi confronti.


SOLUZIONI. I primi trattamenti proposti a livello medico prevedono la diminuzione della sensitività peniena tramite creme anestetiche o circoncisione terapeutica. A livello farmacologico viene sfruttato uno degli effetti collaterali degli antidepressivi SSRI (Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina): la diminuzione della libido. Attualmente l’unico farmaco approvato in Italia è la Dapoxetina. Sono tuttavia in corso studi sull’’efficacia anche di altri farmaci come gli Inibitori della Fosfodiesterasi 5, solitamente usati per la Disfunzione Erettile, e il Tramadolo, un oppioide usato abitualmente nelle terapie del dolore. Considerata la frequente natura psicogena dell’EP è caldamente consigliabile un percorso psicologico o psicoterapeutico mirato. In tutti i casi caso è opportuno rivolgersi a Specialisti quali Medic3 Urolog3 e/o Psicolog3 con formazione in sessuologia clinica per un adeguato inquadramento diagnostico.

BIBLIOGRAFIA/SITOGRAFIA


DSM-5 Manuela Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. American Psychiatric Association. 2013
“Premature ejaculation: an update on definition and pathophysiology”. M. Abu El-Hamd et Al. DOI: 10.4103/aja.aja_122_18


“Erectile Dysfunction and Premature Ejaculation in Homosexual and Heterosexual Men: A Systematic Review and Meta-Analysis of Comparative Studies” A. Barbonetti, S. D’Andrea , et Al. DOI:10.1016/j.jsxm.2019.02.014


“Sexual dysfunction in type III chronic prostatitis (CP) and chronic pelvic pain syndrome (CPPS) observed in Turkish patients”. N. C. Sönmez et Al. DOI: 10.1007/s11255-010-9809-5


“Ejaculatio praecox, erectio praecox, and detumescentia praecox as symptoms of a hypertonic state in lifelong premature ejaculation: a new hypothesis”. M. D. Waldinger. DOI: 10.1016/j.pbb.2013.12.004


“Regular penis-root masturbation, a novel behavioral therapy in the treatment of primary premature ejaculation”. Gong-Chao Ma, Zi-Jun Zou 1et Al. DOI: 10.4103/aja.aja_34_19


“Sessuologia Clinica. 3. Consulenza e terapia delle disfunzioni sessuali”. Libro. Giorgio Rifelli e Patrizia Moro Autori.

“Esiste il rapporto sessuale? Desiderio amore e godimento”. Libro. Autore M. Recalcati. Raffaello Cortina Editore. 2021


“Current and emerging treatment options for premature ejaculation”. M. Gul et Al. DOI: 10.1038/s41585-022-00639-5


“Dapoxetine and the treatment of premature ejaculation”. P. Sangkum, R. Badr et Al. DOI: 10.3978/j.issn.2223-4683.2013.12.01


“Sexological intervention on premature ejaculation”. C. San Martín Blanco. DOI: 10.1016/S1138-3593(15)30005-8